Cos'è il Linfodrenaggio

 

 

Il DRENAGGIO LINFATICO MANUALE - METODO EMIL VODDER venne presentato nel 1936 a Parigi dal Dr. Vodder, biologo e fisioterapista.


EFFETTI
Esso favorisce la circolazione linfatica, aumentandone la velocità di scorrimento, permettendo in questo modo la riduzione dell'edema, sia linfatico, sia di altra origine, in quanto favorisce l'apertura di anastomosi (comunicazioni) linfo-venose funzionalmente chiuse in condizioni normali.

Vengono, inoltre, potenziate le difese immunitarie proprie dell'organismo, attraverso il massaggio dei linfonodi; si aumenta pertanto la resistenza dell'organismo alle infezioni.

E ancora attraverso il drenaggio linfatico manuale avviene un generale rinnovamento del liquido intercellulare o interstiziale. Alexis Carrel - proprio per questa scoperta Premio Nobel nel 1964 - dimostrò che l'apporto continuo di linfa fresca è essenziale perché le cellule possano rigenerarsi garantendo all'organismo una vita più lunga e sana.

Si può comprendere facilmente l'effetto cicatrizzante che questo metodo possiede, anche in caso di piaghe torbide - da decubito - o di ulcerazioni difficilmente curabili con i normali metodi. Attraverso l'accelerazione del flusso linfatico, vengono asportate le sostanze ad azione irritante, che impediscono la detersione della ferita, e con l'arrivo di linfa fresca giungono anche principi nutritivi, con azione plastica e ricostruttiva.

Altrettanto facile da comprendere l'effetto benefico sulla microcircolazione, poiché viene migliorata la motilità intrinseca dei vasi, attraverso una ripresa della ritmicità delle contrazioni della muscolatura liscia, e una accelerazione dei processi di filtrazione-riassorbimento a livello capillare sanguigno.

Notevole è l'effetto rigenerante, particolarmente evidente nelle persone anziane, o in campo ortopedico con una più rapida costituzione del callo osseo in caso di fratture composte, o in dermatologia con la cicatrizzazione delle ragadi del capezzolo, durante l'allattamento.

I movimenti lenti e ritmati del Drenaggio Linfatico Manuale hanno un effetto sedativo e rilassante, e sulle contratture muscolari, sugli strappi o sulle distorsioni, cui associa anche un effetto antiedematoso, produce un'azione antalgica assai benefica.


TECNICA
I movimenti del Drenaggio Linfatico Manuale, sono particolari e complessi; essi devono consentire, attraverso manovre a spirale, contemporaneamente un effetto aspirante, una pressione, comunque leggerissima, e un drenaggio della linfa della zona trattata verso la stazione di linfonodi più vicina.

Il ritmo deve essere lento, per rispettare quello della circolazione della linfa; la pressione assai leggera, al fine di evitare che la linfa venga spremuta fuori dalle sue vie circolatorie, aumentando in tal modo, anziché riassorbire, la situazione edematosa.

Le manovre sono numerose nei vari distretti corporei e devono iniziare sempre con quella che viene comunemente definita apertura. Questa, insieme al massaggio dei linfonodi e alla particolare tecnica di massaggio costituisce la caratteristica principale del Drenaggio Linfatico Manuale di Emil Vodder.

In sintesi le sequenze di questa tecnica sono:
7 per il trattamento del collo; 12 per il viso; 19 per il torace; 14 su ciascuno degli arti superiori; 10 per l'addome; 32 per ciascuno degli arti inferiori; 21 per il dorso; 12 per la zona lombare e glutea.

Quasi 150 sequenze su tutta la superficie corporea che fanno di questa tecnica una tecnica molto complessa, completa e utilissima in una gamma vastissima di indicazioni, con scarsissime controindicazioni.


CONTROINDICAZIONI
 ASSOLUTE:

  • infezioni in fase acuta;
  • tubercolosi;
  •  tumori maligni accertati o sospetti.

 

RELATIVE:

  • insufficienza renale;
  • insufficienza cardiaca;
  • asma;
  •  ipertiroidismo;
  •  vagotonia.

 

Il Drenaggio Linfatico Manuale, metodo Vodder, favorisce la circolazione linfatica aumentandone la velocità di scorrimento, permettendo in questo modo la riduzione dell'edema, sia linfatico, sia di altra origine, in quanto favorisce l'apertura di anastomosi (comunicazioni) linfo-venose funzionalmente chiuse in condizioni normali.

Vengono, inoltre, potenziate le difese immunitarie proprie dell'organismo, attraverso il massaggio dei linfonodi; si aumenta pertanto la resistenza dell'organismo alle infezioni.

Facile da comprendere è l'effetto benefico sulla microcircolazione, poiché viene migliorata la motilità intrinseca dei vasi, attraverso una ripresa della ritmicità delle contrazioni della muscolatura liscia, e una accelerazione dei processi di filtrazione-riassorbimento a livello capillare sanguigno.

Notevole è l'effetto rigenerante, particolarmente evidente nelle persone anziane, o in campo ortopedico con una più rapida costituzione del callo osseo in caso di fratture composte, o in dermatologia con la cicatrizzazione delle ragadi del capezzolo, durante l'allattamento.

 

 

Login

Inserisci le tue credenziali d'accesso